mercoledì 30 maggio 2012

Intervista con The Heartbreaks








Per prima cosa vorrei ringraziare l'insostituibile Martina Zorat per tutto il suo aiuto e la sua disponibilità.
Poi ovviamente devo ringraziare Matt per la sua gentilezza e  per essere ormai da due anni il mio idolo assoluto! Lui e i The Heartbreaks ovviamente.
Ecco la mia chiacchierata con loro, in inglese. Ma tranquilli, sotto trovate anche il link che vi rimanda dritti dritti all' intervista tradotta, ok?
Buona lettura!
Aloha. Ricky


Hi Matt, how are you? I read on your facebook page that your last gig in Manchester was the best of your career! What made you so excited and impressed?


Well everyone clapped and everyone stayed, which is always a good sign. I dunno really. I guess it just seemed like the culmination of a lot of work, you know? Being from Morecambe, going to play in ‘the big city’... It felt good to sell out a venue like that.


The album is out now. What’s the feeling that prevails in you? The happiness for have realized the result of hard work or the stress because of reviews are positive? Or maybe to have a good response from someone who buy your album and see you on stage?



It’s just feels good to have released the songs into the wild, you know? We can draw a line under them now. We can move on. If only you could hear the second album...


The first single was release in 2010, meanwhile the album is out only now, in 2012: two years spent to play live and to reach your definitive sound. I guess, this calm and time has helped the album.


I guess so. I mean, Liar, My Dear was fucking good two years ago, but it’s really, fucking good now.


In our previous conversation, we talked about how you were looking for the right producer of your album, at the end I see that the work of Tristan Ivemy and Edwin Collins was brilliant, isn’t it?


We think so. We worked with so many different people that we know fairly quickly whether it was going to work or not. I think the album sounds very cohesive, all things considered.


The album’s cover is full of images, colors and a title as ‘Funtimes’: it seems that there isn’t space for sadness for Heartbreaks. But, in the album and in particular in lyrics, I found melancholy, nostalgia, difficulties and delusions. Is an intentional humor?


Yes. We liked the irony of Smithsian, miserablists The Heartbreaks releasing an album called Funtimes. We’re very funny like that.


The first phrase which was pronunced in the album, concerns the Morecambe’s rain. (“the rainfall in Morecambe embitters me”). This beginning is the proof of how the spirit of this place is present in all the album and influence you as well. Am I wrong?



You’re not wrong, no. We couldn’t really have happened anywhere else. When you’re from somewhere like Morecambe, being the only four people who are into the same music and clothes really brings you tightly together. It’s important to celebrate that.


Smiths, Orange Juice, Elvis Costello, Aztec Camera: what a binding and influential names I found in your reviews. Though, I see they’re filtered by a vision strongly related to the present!



Uh huh... I think it’s because we have so many disparate influences, people find it hard to put their finger on just one. They’re all there though... Blondie, Springsteen, The Pogues, The Jesus and Mary Chain.


It’s impossible to find a song worse than another one. Personally, I love the melody of “Delay Delay”, the melancholy of “Winter” and the wrath pop of “Gourgeous”, even if my favorite now is “Hand On Heart” which have a charming chorus that I would never end. Do you have a favorite song in the album?


P-O-L-L-Y.


I’m surprised to see all of your singles enclosed in the album, and also two b-sides! I thought (and hoped as well) that would be more time for unpublished songs, even if I admit new arrangements of some old songs, make them totally new.


Yes, I know, but it would have been a travesty to leave them off. They deserve to be on an album.


After lots of tour with famous bands, what was the artist or band you worked better with?



We’re very dear friends with Hurts and so that tour was tremendous fun. I’m sorry to say we stayed up very late in Milan playing football, and we apologize to anyone in the area who was trying to sleep.


Often, in your interview, you spent lots of compliments for Orphan Boys and The Crookes. Especially The Crookes are in Italy very often, it would be nice to see in tour with them in our country!



There are plans a foot, Ricky. There are plans a foot...


Could you tell us how was the Record Store Day 2012? You were on your own tourbus and there was the sell of Funtimes vinyl limited edition!



We’re big fans of the day, so were obviously very happy to be asked to do something for it. We could have easily put the record out and just done a tweet or something, but it was nice to create an event befitting of the album.


Be romantic means have always heartbreaks?



Hopelessly so...


My usual last question. What would be your song suitable to act as a soundtrack for the end of our conversation and could you tell me why you choose it?



I’m going to say Another Sunny Day by Belle and Sebastian. I’m in my garden, the sun is shining... It’s time for a choc ice.

INTERVISTA THE HEARTBREAKS

domenica 27 maggio 2012

Electrasy "In Here We Fall"





Dischi così ti verrebbe voglia di stroncarli senza pietà, talmente ruffiani e furbetti che ti li vedi proprio questi qui intorno a un tavolo dirsi...dai qui facciamo questo genere, qui cambiamo tutto, qui facciamo i rapper, qui i romanticoni, qui i rockers, qui gli elettronici...vedrai che alla fine ci apriremo più porte.
Sta di fatto che alla fine non ce la faccio a volere male a sti ragazzi.
Api impazzite che vagano di fiore in fiore senza capirci bene nulla, ma mi fanno divertire, che ci posso fare? Faranno anche 100 generi in un disco ma la melodia non la perdono mai di vista e ultimamene mi piacciono ste cose tamarre, per cui, promossi!
Ahahahah!! (2000 Arista)



- Renegades  
- Naked  
- Morning Afterglow  
- Dazed And Confused  
- Bussed Out  
- Cosmic Castaway
- Special Forces  
- Foot Soldierz  
- In Here We Fall  
- Angel  
- Cry


ELECTRASY

Electrasy "Beautiful Insane"





Che simpatici sti ragazzi.
Nulla di nuovo sotto il sole. Scorre via piacevole il loro disco all'insegna di un pop rock spensierato, senza impegno, melodico e ideale per spassarsela mentre siete sulal vostra spiaggia preferita a prendere il sole. C'era pure un singolo che li aveva lanciati in classifica in piani medio alti.
Con tutti gli stereotpi del genere ovviamente, dalla ballata al pezzo più sostenuto, con gli arrangiamenti più scontati del mondo il disco scorre sereno, ma a noi va bene così.
Buon divertimento! (1998 MCA)

- Lost in Space
- Queen Of The Crimson Nile
- Strawberry Sunrise
- Nineteen
- Best Friend's Girl
- Morning Afterglow
- Chemical Angel
- Miracle
- Beautiful Insane
- Angel
- Demented
- Today's The Day

ELECTRASY

Blessed Ethel "Welcome To Rodeo"









Questri erano veramente bravi. Tanti singoli preparatori e poi il disco che a mio avviso metteva sul piatto delle carte decisamente interessanti. Chitarre power molto soniche, ma anche una voglia di non fermarsi a questi suoni, un tentativo di aprire il ventaglio di possibilità.
Certo i modelli poi li vai anche a scoprire facilmente. Si potrebbero citare i classici Pixies o pure i Blondie, ma sapevano il fatto loro e usavano la loro testa.
Si, decisamente avrebbero potuto e dovuto ritagliarsi uno spazio più ampio nel panorama musicale di quegli anni, ma forse i gruppi con voce femminile (io adoro Sara in questo disco!) puntavano più sulla grazia e la melodia che sui graffi e questo ha limitato il gruppo, non certo per colpa sua! (1996 2Damn Loud)


1. Pullman Car To Venus
2. Calico B
3. Confidential
4. Another World
5. Hangin' In The Sun
6. That Man
7. Shooting Cowboys
8. Fat Star
9. Veronica
10. Rope
11. Blue Movie
12. Into The Sun

BLESSED ETHEL

martedì 22 maggio 2012

Veruca Salt "3 singoli da American Thighs"













Ah, i (le) Veruca Salt.
No, non si può dire che siamo in territori Brit Pop, ma sono comunque ambienti che mi esaltano: guitar rock di matrice americana, potremmo definirlo alternative rock sulla scia di Breeders e Pixies, con Nina e Louise che guidavano la truppa in modo pregevole.
In questo post 3 singoli estratti dal loro bellissimo album d'esordio.
Mi mancano davvero tanto, all'epoca io e il mio buon amico Gianni eravamo innamorati pazzi di quelle due fanciulle,e se guardate il video di Victrola, beh, capirete il perche, santo dio!!!


- Victrola (1995, Hi-Rise)
- My Sharona
- Sundown


- Seether (1994, Hi-rise)
- Straight
- She's A Brain


- Number One Blind (1995, Minty Fresh)
- Bodies
- Aurora


VERUCASALT

VERUCA SALT 2

VERUCA SALT 3

Intervista con This Episode

Anno di grazia 2006. In modo decisamente clandestino usciva un disco pop bellissimo. L'album omonimo dei This Episode, duo americano che brillava di una luce melodica sfolgorante.
Se amate il Brit Pop non potete lasciarvi sfuggire una simile prelibatezza.
A distanza di anni non ho smesso di seguire il gruppo e il suo compositore principale, il buon Ken, che in questa intervista (pubblicata anche sul sito di Radio Popolare Verona e, a breve, sul portale Indie-Rock.it) racconta un pò cosa sta facendo adesso...

Buona lettura.



Nel lontano 2006, quando ancora Myspace andava che era un piacere, scoprii quasi per caso un duo americano composto da Kenward e Dasi, che sotto il nome di This Episode, dispensavano magie indie-pop con evidentissimi riferimenti agli anni d’oro inglesi del brit-pop. Melodie zuccherose e ritornelli criminalmente contagiosi si rincorrevano senza soluzione di continuità lungo le tracce del disco omonimo uscito, in modo semi clandestino se dobbiamo essere sinceri, proprio quell’anno.

Sta di fatto che da quel momento non ho mai smesso di seguire il gruppo e quindi in parallelo anche la produzione musicale di Ken. Questa chiacchierata via mail serve per fare il punto della situazione con questo musicista che non sta certo con le mani in mano!




Ciao Ken, per prima cosa come stai? In questo periodo stai scrivendo nuova musica?


Ken - Ciao Ricky, qui va tutto bene. In effetti sto collaborando con un ragazzo inglese per il suo progetto, lui si chiama Josh O’Keefe. E’ pop, ma con un tocco di country moderno. Comunque sto scrivendo musica in generale si, sia per altri che per me stesso.

 Il nome This Episode è sempre da riferire a te e a Desi oppure tu adesso ne sei l’unico titolare?

Il primo disco mio e di Desi insieme è uscito a nome This Episode. Se sarà l’unico a rappresentarci insieme? Al momento proprio non lo so. Desi ha sempre detto che mi vedeva come un tipo alla Serge Gainsbourg, nel senso che Serge ha avuto diversi stili e diverse muse per le quali ha scritto, sia che si trattasse di Brigitte Bardot o Jane Birkin, o sua figlia o sé stesso e pensava che io avrei potuto seguire un esempio del genere. Non potrei essere più d’accordo. Ho sempre voluto scrivere musica per altre persone, ed è per questo che ho vissuto negli ultimi 5 anni a Nashville che come città è ideale per questo. Così penso che un disco può esserec on Desi, un disco con qualcun’altro e perchè no, uno potrebbe essere scritto per me stesso. Non ci stiamo impostando regole o limitazioni.

 Vogliamo ricordare in poche righe come sono nati i This Episode?

Ci siamo formati a NYC nell’estate del 1996. Fino a quel punto, tutti i musicisti che avevamo incontrato separatamente al riguardo di formare una band con noi si erano fermati al classico “ciao/arrivederci”. Quando ho incontrato Desi era come se ci conoscessimo da lungo tempo, abbiamo finito per stare fuori 12 ore insieme quel giorno.

L’album d’esordio dei This Episode è ricco di canzoni pop: melodie immediate, solare, diretto, sembrava proprio di tornare al periodo d’oro del Brit Pop (un disco con sonorità inglesi anche se voi siete americani!!), che ne dici?

Hai perfettamente ragione Ricky. Quello è esattamente il terreno in cui erano piantante saldamente le nostre influenze musicali. Amavamo Suede, My Life Story, i Verve e tutte le favolose uscite di quel periodo.

Nelle nuove canzoni che ho potuto sentire noto con piacere che non hai perso nulla del tuo tocco melodico, ma se penso a un pezzo come Vegas mi sembra che vuoi sperimentare nuovi territori in fase d’arrangiamento, anche un pò più oscuri e non così scintillanti come nel primo disco. Sbaglio?
Grazie per i complimenti Ricky. Non potrei dire assolutamente più “scuro”, ma sicuramente c’è un forte senso di malinconia in quella canzone. L’ho scritta con il mio amico Abe Millett che ha suonato in vari gruppi come Third Eye Blind e LMFAO. Per quanto riguarda le nuove canzoni che ho scritto, beh, c’è molta varietà. Ci sono canzoni in levare, canzoni ballabili, ma anche ballate. Ci sono un sacco di scintille in arrivo!

C’è qualche gruppo americano o inglese che ultimamente ascolti con piacere?


Proprio adesso sto ascoltando “Simple Song” dei The Shins. Nel complesso però sono sempre molto interessato a cosa arriva dalla Svezia. C’è un nuovo gruppo chiamato Casablanca che si muove su un versante rock’n’roll, con canzoni fresche e orecchiabili. E anche l’elettro pop che arriva da lì e ben più interessante rispetto a quello americano al momento.

Ti sei dato una scadenza per preparare un nuovo disco o fai tutto con calma e senza fretta?


No, nessuna scadenza. Anche se spero di non metterci così tanto tempo come “Chinese Democracy” per farlo. Molto probabilmente mi muoverò sulla lunghezza dell’ EP o del singolo. L’attenzione della gente è ridotta ultimamente e questi formati vanno più che bene.

Stai producendo la tua nuova musica da solo o suoni con un gruppo fisso?

Dipende in cosa consiste il progetto. Rick Parker al momento è il mio “go to guy” (ndr, l’uomo dell’ultimo tiro, molto usato nella pallacanestro). Sono un suo fan fin dal suo primo gruppo, i Lions & Ghosts e lavoriamo molto bene insieme. Comunque si, ho un mio gruppo di musicisti che chiamo sempre se devo registrare o suonare qualcosa.

Sei stato in Europa molte volte, ma non sei ancora stato in Italia. Hai in programma di venire qui prima o poi? Mi ricordo che Desi parlava molto bene l’Italiano!

Si, Desi è per metà italiana e per metà Francese. E’ cresciuta a Roma e a Parigi. L’Italia è assolutamente in cima alla mia lista di posti da visitare. Spero che prima o poi accadrà.

Chi volesse trovare una copia del primo disco dei This Episode come potrebbe fare?

La cosa migliore è mandarmi una mail direttamente all’ indirizzo thisepisode@gmail.com

Grazie ancora per la tua gentilezza Ken. Ho una domanda classica nel finale delle mie interviste. Quale potrebbe essere la canzone adatta a fare da colonna sonora finale per questa nostra chiacchierata? (Canzone tua o di altri artisti, vedi tu!)

Grazie a te Ricky. Una canzone mia direi “Move On” dei This Episode, se invece usiamo una canzone di altri in questo caso ti dico “Tinseltown In The Rain” dei The Blue Nile.

Move On: http://thisepisode.com/


THIS EPISODE MYSPACE 

mercoledì 16 maggio 2012

Half String "A Fascination With Heights"


Neanche a dire chi fu il primo a farmi scoprire questi eroi americani, ovviamente il grande Claudio, che mi disse...occhio che questi sanno il fatto loro.
Non sbagliava! Come sempre.
Dream Pop che profuma d'Inghilterra, con i rimandi del caso a tutti i gruppi che noi adoratori shoegaze amiamo alla follia.
Un disco che entra nel cuore, che cattura con la sua eleganza. Con l'atenzione per la melodia e i particolari. Insomma, un grande disco!! (1996 Independent Project)


- shell life
- backstroke
- hurrah?
- ...
- departures
- a fascination with heights
. momentum
- lolligag
- the apathy parade
- numbers and fingers


HALF STRING

Heartbreaks, la recensione di "Funtimes"





Non faccio mistero di adorare gli Heartbreaks.
Il disco che hanno pubblicato è veramente qualcosa di magnifico.
Ecco qui la mia recensione per Indie-Rock.it

Buona lettura!
Ricky

Recensione Heartbreaks

mercoledì 9 maggio 2012

Intervista con Strawberry Whiplash





L'intervista di oggi è con quel talento di Lawrence degli Strawberry Whiplash, che insieme a Sandra ha realizzato un disco davvero incantevole, 'Hits In Car', ovviamente uscito per la nostra preferita Matinée, che profuma di tutti quei suoni e quelle melodie targate C86 che non smetterò mai di apprezzare!
A progettare le domande due testoline all'opera, la mia e quella del caro Luca Pasi, professore emerito in Sarah Records e indie pop.
A voi....buona lettura!



INTERVISTA CON LAZ McCLUSKEY

sabato 5 maggio 2012

The Jesus & Mary Chain "The Black Sessions"








Nel 1994 usciva il tanto atteso disco acustico dei Jesus And Mary Chain, ovvero "Stoned & Dethroned".
Devo essere sincero, il disco mi piace, ma dai due fratellini magici mi attendevo qualcosa in più.
Alcuni pezzi sono incantevoli, altri meno. Certo la qualità è alta, sia chiaro.
Questa sessions datata appunto 1994 è incentrata per lo più proprio sui pezzi di questo disco, ed è comunque una buona testimonianza di quel periodo.
In fine dei conti, beh, i Jesus sono sempre i Jesus! (1994, pubblicata nel 2009)


- Snakedriver       
- Hole       
- Girlfriend       
- Head On       
- Dirty Water       
- Come On       
- Teenage Lust       
- Ghost Of A Smile       
- Far Gone And Out       
- She       
- Save Me       
- Everybody I Know       
- Reverence       
- Sidewalking       
- Kill Surf City


JESUS AND MARY CHAIN

Bis "We Are Bis From Glasgow, Scotland"




Immagino proprio che dal numero dei post dedicati a questo gruppo si noti il mio amore verso il terzetto elettro pop scozzese.
Penso che con questo disco potrei ritenere chiuso il discorso Bis, ma mai dire mai, che dal mio armadio potrebbe saltare fuori di tutto!.
Compilation che la sempre lungimirante Cherry Red faceva uscire nel 2007, in occasione della reunion del gruppo per il decennale dell'album d'esordio, completa anche di DVD con video e foto.
Ovviamente per chi conosce il gruppo ben poco di nuovo, per gli altri un bel punto di partenza per poi andarsi a riprendere tutti i dischi, dal primo all'ultimo, ovviamente!! (2007 Cherry Red)


- Kandy Pop       
- Eurodisco
- Kill Yr Boyfriend
- Starbright Boy
- I'm A Slut
- Action And Drama
- Sweet Shop Avengerz
- School Disco
- Monstarr
- This Is Fake D.I.Y
- Tell It To The Kids
- Secret Vampires
- Icky-Poo Air Raid
- I Want It All
- The End Starts Today
- Dead Wrestlers
- Making People Normal
- Cubis (I Love You)
- Today Of All Days
- Love Will Tear Us Apart

BIS

martedì 1 maggio 2012

All The Young: la recensione di "Welcome Home"



Vi metto qui sotto il link della mia recensione del disco degli All The Young per il sito Indie-Rock.it
Buona lettura.

RECENSIONE ALL THE YOUNG