martedì 29 novembre 2011

Intervista con i Tribes



Ultimamente ci sono due grupi nuovi che seguo con particolare attenzione, i Sulk e i Tribes.
Per quest'ultimi poi c'è anche un legame affettivo, diciamo così, visto che il cantante prima militava negli Operahouse, gruppo che letteralmente adoravo.
Sta di fatto che dopo la chiacchierata con i Sulk, ecco quella, appunto, con i Tribes...

Buona lettura!


INTERVISTA TRIBES

L'Impaziente Inglese - 9 puntata

Anche questa volta mi sono lanciato nella riproposizione di classici targati anni '90 che vi faranno venire le lacrime agli occhi....ne sono certo!

Buon ascolto!

Ps...come sempre se avete richieste, consigli o commenti, beh, fatevi vivi!


lunedì 28 novembre 2011

Prolapse "Ghosts Of Dead Aeroplanes"


Vi ho già parlato dei Prolapse e di quanto io li stimi.
Attenzione, perchè anche qui non andate sul sicuro. Terreno impervio e minaccioso, ma so che avete lo spirito adatto! (1999 Cooking Vinyl)


- Essence Of Cessna
- Fob.Com
- Adiabatic
- Cylinders V12 Beats Cylinders 8
- One Illness
- After After
- Government Of Spain
- Planned Obsolescence


PROLAPSE

John Squire "Time Changes Everything"


Ma si, andiamo pure a rispolverare sta mezza porcheria. Tanto adesso tutti parlano degli Stone Roses, che si sono riformati, che partono col tour, che sono ancora tutti amici come prima, che faranno roba nuova...e vabbè, allora parliamo anche di disastri usciti prima di questa bella notizia (bella fino a quando non sentirò le prime cose nuove ovviamente o li vedrò dal vivo e magari sono disastrati).
Sta di fatto che dopo i Roses e i Seahorses il nostro John deposita i pennelli e prende ancora in mano la chitarra per fare sto dischetto che puzza d'America, di Bob Dylan, di noia mortale tipo le schifezze che potrebbe fare quel cadavere di Mark Knopfler e lui canta pure piuttosto maluccio. Insomma, che discaccio! (2002 North Country)


To say that Time Changes Everything has been a long time coming would be an understatement. And for John Squire, time does indeed change everything--the band line-ups perhaps more than anything else.
Whereas his previous incarnation--the doomed Seahorses--had perhaps three (well, three and a half) moments of genius ("Love Is the Law", etc) with a clutch of turgid, tuneless insults filling up the rest of the album--his debut solo effort is a much more balanced affair. Whether that is a good thing or not is debatable.
Working closely with coproducer of the Stone Roses' Second Coming (another long-awaited Squire disappointment), the most immediate thing about Time Changes Everything is hearing Squire's voice for the first time--it growls like a whiskey-drowned Van Morrison and is both surprising and engaging.
The tunes, about "country boys" and "the eye of a hurricane" are, if nothing else, original (for Squire) but it sounds at times like his voice influenced this style of music more than the other way round.
Rootsy, American influenced warblings such as "I Miss You" and the heartfelt "Time Changes Everything" are winners, even if they are strangely familiar in that way that makes you think you've heard all of Proud Mary's songs before. It's interesting, but lacking the genius (or glimpses of it) that has characterised and redeemed his past projects. (Ben Johncock - http://www.amazon.co.uk/)



- Joe Louis
- I Miss You
- Shine a Little Light
- Time Changes Everything
- Welcome to the Valley
- 15 Days
- Transatlantic Near Death Experience
- All I really Want
- Strange Feeling
- Sophia


JOHN SQUIRE

mercoledì 23 novembre 2011

L'Impaziente Inglese - 8 puntata

Ecco la puntata numero 8 del mio programma.
Ultimi 2 pezzi dal nuovo EP dei Flamingoes e i soliti classici del passato...

Buon ascolto!
Ricky

Cud "Elvis Belt"


Fine anni '80 e inizio anni '90, ecco il periodo in cui i Cud diedero fuoco ale loro polveri, che, lasciatemelo dire, non sono per nulla bagnate neanche adesso, a distanza di così tanti anni.
Idee geniali, pop vs post punk, secchi e diretti. Proprio bravi! (1990 Imaginary Records)

- Slack Time
- Make No Bones
- Treat Me Bad
- Punishment - Reward Relationship
- Under My Hat
- Lola
- Urban Spaceman
- Art!
- You're The Boss
- Only (A Prawn In Whitby)
- Hey! Wire (The Stratospheric Mix)
- I've Had It With Blondes



CUD

Blue Merle "Burning In The Sun"


Sono andato a riprendere in mano questo disco giusto perchè ascoltando la voce di Chris Martin (stavo provando ad ascoltare il loro ultimo disco, ma è veramente una porcheria senza confini e ho dovuto spegnere!) mi è tornata in mente le voce di Lucas Reynolds dei Blue Merle.
Ecco, a dire il vero i contatti con i Coldplay finiscono qui.
Sicuramente con forti e solide radici americane i Blue Merle e il loro pop rock, che alterna momenti acustici e ballate a cose più fisiche, è sempre li a ricordarcelo.
Un gustoso disco da macchina dai! (2005 Island)


- Burning In The Sun
- If I Could
- Lucky To Know You
- Stay
- Every Ship Must Sail Away
- Boxcar Racer
- Made To Run
- Seeing Through You
- Places
- Part Of Your History
- Either Way It Goes
- Bittersweet Memory

BLUE MERLE

lunedì 21 novembre 2011

Intervista con i Sulk



Accidenti al Baggy Sound....pensavi fosse uscito dai radar e invece no! Tutti in ginocchio per la reunion dei Roses.
Ma oltre ai Roses c'è qualcuno che ha fermato le lancette del proprio orologio a quei suoni, sono i Sulk, che con solo 2 singoli (Wishes e Back in Bloom) già mi fanno gridare al miracolo.
Assolutamente mirabili le loro intuizioni figlie dei migliori Stone Roses.
Non potevo non scambiare 2 chiacchiere con loro...eccole qui!

Buona lettura!


INTERVISTA AI SULK

domenica 20 novembre 2011

4 giorni con Pete Fijalkowski....

Il blog è stato fermo, ma per un motivo ben preciso.
Da mercoledì a sabato è stato qui a Verona, mio ospite, proprio lui...Pete. Si, il cantante degli Adorable.
Ho accumulato così tante emozioni che è impossibile descriverle, raccontarle e trasmettere.
Le terrò per me. Non per cattiveria o egoismo, ma perchè stavolta è un mio sogno che è diventato realtà e mio rimane.
Cercate su youtube i video della serata magnifica di Venerdì all'Osteria Panevino.
Grazie a tutti (amici e presenti a una serata che non dimenticherò mai)...voi sapete chi siete.

....e grazie Pete.....

The Crookes al Deposito Giordani di Pordenone, 12 novembre 2011



La gentilissima Martina Zorat mi manda questa recensione del live dei Crookes in quel di Pordenone, data inserita nel contesto del loro ultimo tour italiano.
Questa è la versione in inglese, mentre quella italiana la trovate sul sito di Radio Popolare Verona.
Buona lettura e ancora grazie Martina!

REVIEW
THE CROOKES LIVE @ DEPOSITO GIORDANI 12-11-2011


Looking at the increasingly wide musical landscape that England proposes, it’s appropriate to speak about The Crookes, new pop band born three years ago in the University of Sheffield.
Even If the second guitarist left them just few days before the beginning of the European tour, these guys haven’t waste time and with Tom’s support have brought up the band to continue the promotion of their album "Chasing After Ghosts" came out on March 21th. Recorded in six weeks at the Cottage Road Studios in Leeds, the album is composed of eleven tracks suspended in the balance between the cruelty of life and the escape through imagination. The title, "Chasing After Ghosts", was chosen to reflect on what the band describes as "the days, weeks, months and years that we try to recover, the people we lost and wrongly removed, our concern that youth and beauty don’t live forever."
The judgments of the public and the press (all very positive) are overcome already, so it’s time for the crucial test: live gigs . The concert of George Waite (bass / vocals), Daniel Hopewell (guitar) and Russell Bates (drums), is staged on November 12nd at Deposito Giordani in Pordenone. The audience welcomed the boys and they reciprocate with a high levels performance.
The setlist was write on an ordinary plastic dish ("unfortunately, we ran out paper.." George apologized) indicates the simplicity of these young musicians, with a great talent and desire to make good music.
The concert opens with one of the slowest songs of the new album, City of Light: the first part with kick drum, which beats the rhythm, and George's deep voice comes straight to the heart of the crowd that gives way to the explosion of guitars in the chorus.
Godless Girl is the second one, and despite the text is focused on the problematic relationship with a girl, the melody’s involving and joyful that accompanies the band with the audience clapping. A Collier's Wife, Chours of fool and Just Like Dreamers (the first song is from the EP Dreams of another days) followed closely the style and pop rhythm which characterizes The Crookes’ style: George unleashes his blond quiff as he sings and plays bass taking time by tapping his foot on the stage, the plastic plate did not survive until the end of the exhibition, Daniel often watch Tom playing (very well, although he had to learn the songs in a few days) and Russell, behind him drums, laughing and drumming damn good.
The Crookes love play live music.

Then, George announced two new songs, unreleased, newly written and played only three times so far (also for an exclusively Burberry’s show in Tokyo for Vogue Fashion Night, the first days of November): in spite their emotion was clearly perceptible, they donated moments of pure british music, again.

It's time to one of their best songs, Bloodshot Days, the eighth track of the last album. "Drop to your knees" They Say / For oh hap To Be Such Bloodshot These Days. Oh lovers always say "It pains my heart to stray." Voice and audience together. The band can’t be more than satisfied and thanks again the enthusiasm they received.

The great final. The concert is about to turn near the end, but these English guys still have something else to complete the lineup: three songs that launched them on the music scene. I remember moonlight, vibrant ode to memories of a love affair with lyrics that affect hearts ("Love, I remember ... the moonlight like the blades of your white skin colored tights those beneath. And love, I remember your breath against my neck warm. And the taste of your lips as they pressed."), Backstreet Lovers and Yes, yes, we're magicians (with special dedication): the first rows dancing dragged by the music but the gig unfortunately turns at the end.


In essence, an hour of beautiful music played with soul and style that distinguish the British music. The Crookes did not disappoint expectations.


Qui potete vedere le foto prese dalla serata di Martina Zorat
http://www.flickr.com/photos/martymime/sets/72157628141364174/

Elisa Moro
http://www.flickr.com/photos/depositogiordani/sets/72157627993485159/

martedì 15 novembre 2011

Northside "Chicken Rhythms"


E' andata male ai Northside all'epoca, passarono in secondo piano, schiacciati dai colossi britannici dell'epoca e poi dalle chitarrone mortali che arrivavano dall'America.
Poi come spesso accade ecco che nei giorni nostri vengono super quotati e visti come gruppo fondamentale di 1 epoca musicale. Sto parlando, come per gli Sp!n, del baggy sound targato Madchester.
Qui, se amate il suono di gente come Roses, Happy Mondays, Carpets o primi Charlatans, beh, andate a nozze, anzi, vi troverete fra le mani un disco di assoluto valore! Garantisco io! (1991 Factory)

- Take 5
- Weight Of Air
- Funky Munky
- A Change Is On Its Way
- Yeah Man
- Tour De World
- Wishful Thinking
- Shall We Take A Trip
- Who's To Blame
- Practise Makes Perfect
- My Rising Star
- Moody Places


NORTHSIDE

Sp!n "Hot Blood Ep"


Tranquilli, non ci sentirete nulla che possa ricordurre ai Gene qui dentro. Non c'è ancora quello spirito targato Smiths che pervederà il duo Mason/Rossiter. Per ora suono sempre ricorducibile allo spirito che aveva animato il gruppo, anche se devi dire che le chitarre mi paiono senza dubbio più corpose.
E poi, vabbè, c'è la voce di Martin! (1991 The Foundation Label)

- Fifteen Minutes
- I'm Getting Out
- Landslide
- You're My Worst Nightmare


SP!N

Sp!n "Scratches (In The Sand)"


Fin dalla copertina si intuisce che siamo in un mondo piuttosto vicino agli Stone Roses, e i 4 pezzi non smentiscono affatto la cosa.
Beh, adesso che i Roses sono tornati è pure bello farsi questi tutffi nella Madchester del tempo che fu! (1990 The Foundation Label)

- Scratches (In The Sand)
- Shafted
- East
- Scratches (In The Sand) (Radio Edit)

SP!N

L'Impaziente Inglese - 7 puntata



Non c'è solo l'esclusiva dell' EP dei Flamingoes in questa puntata, ma anche tanti classici degli anni '90 e tanti gruppi che voglio proprio vedervi a sentirli in radio...due nomi su tutti: Elcka ed Inaura!!!!
Spettacolo!
Buon ascolto. Ricky

giovedì 10 novembre 2011

Flamingoes, nuovo EP in esclusiva all' Impaziente Inglese!!


Stavolta lo dico proprio vantandomi come un bambino!
Lunedì 14 novembre, all'Impaziente Inglese, avrò l'onore di trasmettere 2 pezzi del nuovo Ep dei Flamingoes "Sound Ep".
Gli altri due pezzi li manderò in onda lunedì 21 novembre!
ANTEPRIMA MONDIALE!!
Ebbene si! Devo dire che non mi era mai capitato, ma stavolta mi piace farvelo sapere.
L'EP è pronto ma ancora non c'è una data d'uscita, però il buon James me lo ha fatto avere e mi ha detto "Diffondi il verbo!" e io eseguo con gioia!
Un ritorno tra l'altro ai suoni più carichi ed esplosivi dell'esordio!
Insomma, ghiotta occasione da non perdere se siete amanti del Brit Pop!!

Vi aspetto lunedì 14 novembre alle ore 22.35 su RADIO POPOLARE VERONA per lo streaming!

Ciao. Ricky

mercoledì 9 novembre 2011

Drop Nineteens "Delaware"




Neanche a dire chi devo ringraziare per avermi fatto scoprire questo gruppo! Ovviamente il grande Claudio Rizzi!
Questo blog si dvide ultimamente tra interviste, trasmissioni radi oe chiacchiere varie, ma resta il mio blog dedicato ai post di dischi e di canzoni, quindi non è giusto perdere di vista il fine ultimo.
Oggi si va nel mondo dello shoegazer, ma non siamo in Inghilterra, no, siamo in America, precisamente a Boston con il primo disco di una formazione veramente ottima.
Con i MBV nel cuore e gli Slowdive nella mente ecco gli incantevoli Drop Nineteens. Il disco potrà anche essere un pò diseguale, con alcune canzoni pazzesche e altre che magari non sono più che mediocri, ma la qualità posso tranquillamente definirla piuttosto alta.
Lasciatvi conquistare da Wynona o sognate con Kick The Tragedy....fatelo per il vostro bene musicale! (1992 Caroline)


- Delaware
- Ease It Halen
- Winona
- Kick The Tragedy
- Baby Wonder's Gone
- Happen
- Reberrymemberer
- Angel
- My Aquarium
- (Plus Fish Dream)


DROP NINETEENS

L'Impaziente Inglese - 6 puntata



Direi che questa volta non mi sono risparmiato con i classici, anzi, visto che ho avuto molte richieste in merito (oltre a tanti complimenti e vi ringrazio assai), direi che questa puntata segna un pò la svolta: meno novità e più classici!
Siete contenti?
Vi invito, come sempre a fare dele richieste, di solito non faccio dediche o cose simili, ma sarà un piacere citare voi ascoltatori nella mia trasmissione nel caso mi chiedeste qualcosa di particolare, ok?
Buon ascolto con questa sesta puntata dell' Impaziente Inglese!

Ricky


domenica 6 novembre 2011

Intervista con Jaime Harding dei Marion



Beh, ci sono dei casi in cui il titolo del post è decisamente introduttivo e c'è ben poco da aggiungere.
Nient'altro da dire quindi, visto che è già scritto tutto nel preambolo all'intervista sul sito di Radio Popolare Verona.
Ovviamente una grande emozione!

Buona lettura.

INTERVISTA CON JAIME

sabato 5 novembre 2011

Intervista con Odette Di Maio


Probabilmente una delle cantanti più belle che l'Italia abbia mai avuto.
Carismatica, decisa, intelligente e brava. Non faccio mistero, come vedete, di quanto apprezzi Odette Di Maio.
Già voce dei divini Soon, dopo il loro scioglimento (per il quale non smetteremo mai di piangere) ha intrapreso una carriera basata su tante collaborazioni e all'insegna del suo spettacolo "L'America di Odette", dove emergeva il suo lato più intimo e folk.
Ora eccola pronta a tornare con un nuovo progetto, MISS O assieme a Jan De Block, eclettico e versatile compositore belga.
Era doveroso scoprire qualcosa di più su questo nuovo gruppo, anche perchè gli indizzi sul loro sito e su Facebook sono decisamente intriganti.
Ecco quindi la chiacchierata telefonica che io e Odette abbiamo fatto.
La trovate qui in super anteprima, visto che sarà trasmessa nell' Impaziente Inglese solo il 28 novembre!
Quindi buon ascolto e...grazie splendida principessa Brit Pop!!

martedì 1 novembre 2011

Curve "Come Clean"



Non mi aveva fatto impazzire all'epoca questo disco, lo rivaluto invece un pò adesso.
C'era stato un periodo di stop per il gruppo, che prima aveva un genere un pò dark e un pò shoegaze e poi ecco il ritorno, con un cambio di rotta nel suono.
Si martella con beat dance non poco e dove non si martella prendono il sopravvento ritmiche lente e oscure. Chitarre pochine e comunque spesso distorte.
Elettronica che predomina su tutto comunque e quel sapore vagamente Garbage, ma vagamente sia chiaro, perchè qui c'è decisamente meno pulizia e meno scintillio rispetto agli americani.
Riascoltato adesso vi dico che non mi dispiace (1997 Estupendo/Universal)

It's been too many years since we last saw a release from Curve. Toni Halliday always had a way to make you melt, even through the noise Dean Garcia and company built. There was always that deep bass melody and distorted guitar to add to her lyrics of lust and love. It made all us jaded folks actually think about love for once.
Well, the wait was definitely worth it.
Even though it's been roughly five years, Come Clean is a logical follow up to Cuckoo. Sure there's been minor changes and improvements, but the general principle is the same. This time around, Curve have more of an edge, and this record is louder than anything they've done before, and they were no quiet ensemble. The guitars are noisier than before, while still not masking the melodies. "Something Familiar" is just that, a tale about the fine line of lust and love that sounds as if is could have been a Cuckoo outtake.
"Sweetback" starts with a techno influenced intro and Halliday's effected whisper, then it breaks into a full volume white noisefest spurned on by a techno beat with the refrain "Then I'll be happy in love."
Halliday's voice pleads for mercy during "Forgotten Sanity," telling how a lost love has wrecked her, she's forgotten how to do just about anything. Halliday's voice is as strong and seductively mature as ever, while her lyrics keep the same love/hate relationship with love. Garcia's instrumental work and programming show he's been dabbling in the studio during the hiatus extending the Curve sound.
A few songs do take the premise that Curve relies on and expands them to new grounds. The opening cut "Chinese Burn" shows how the techno influence has influenced Garcia's programming. It's a perfect mesh of Curve's traditional sound with the techno influence, it's odd to hear at first, but once familiar with it, it makes perfect sense.
"Come Clean" is really like a punk/techno tune. Based on a driving drumbeat, overly effected vocals butt up against the simple melody line creating a hyper-punk version of Curve. Once again, it may be different, but it's not a stretch for them to pull this off.
In an age where everyone wants to overhaul their sound to fit the recent trends, it's bands like Curve, who just tweak their ideas instead of tear down and rebuild them, that will have the staying power to go the distance and carry us jaded souls clean into the next millennium. (Tom Topkoff - http://www.hybridmagazine.com)

- Chinese Burn
- Coming up Roses
- Something Familiar
- Dog Bone
- Alligators Getting Up
- Dirty High
- Killer Baby
- Sweetback
- Forgotten Sanity
- Cotton Candy
- Beyond Reach
- Come Clean
- Recovery

CURVE

Astrid "It's True"





Beh, qui veramente gli Astrid andavano via come i treni!
Guitar power pop scintillante e cristallino, ispirazione ai massimi livelli. Quando ascoltai questo singolo per la prima volta ero in ginocchio a pregare gli dei del Brit Pop per averci dato questa meraviglia.
Che poi il bello, secondo me, viene con la terza canzone, ovvero Boston. E non tanto perchè io sono un fanatico dei Celtics, quanto perchè è uno dei miei pezzi pop preferti: una bellissima canzone con una melodia micidiale e strofa e ritornello che giocano rincorrersi nel giardino della perfezione pop! Da amare! (1999 Fantastic Plastic Records)


- Its True
- For Your Girlfriend
- Boston

ASTRID

My Jealous God "Pray"


Questo è il mio singolo preferito di questa formazione.
E lode pure alle b-sides, decisamente vincenti! (1990 Rough Trade)


- Pray (Edit)
- Pray
- Just Like Mine
- What You Want (Edit)
- Pray (Beats)


MY JEALOUS GOD

My Jealous God "Easy"


Anche in questo caso la dura legge del Brit Pop, anche se in realtà al Brit Pop ci si doveva ancora arrivare, qui siamo sicuramente un pò prima degli anni d'oro.
Simpatica formazione di LOndra, attiva nei primi anni 90. Pubblicarono giusto tre singoli, poi prima che il disco vedesse la luce ecco che la festa finisce.
Il suono era decisamente più Manchester che Londra, quindi avete già capito anche voi dove si va a parare, però non erano niente male! (1992 Fontana)

- Easy (Edit)
- Undressed
- Sleep
- Consolidation


MY JEALOUS GOD