venerdì 28 gennaio 2011

Hefner "We Love The City"



Piano piano arriverò a mettere sul blog tutta la discografia di questo grande gruppo....come sempre tutto fila alla perfezione! (2000 Too Pure)

L'uscita di "We love the city", avvenuta più o meno nello stesso periodo del live degli Oasis, mi rende molto contento, specialmente per due motivi.
Il primo è che gli Hefner si confermano come una realtà molto interessante nell'odierno panorama pop inglese, piuttosto avaro di novità eclatanti, da qualche tempo a questa parte. Il secondo motivo è strettamente legato al primo e lo potrei intitolare "Cediamo Il Passo Alle Nuove Leve".
E' impossibile non notare la differenza di freschezza e di spunti tra un disco come "We love the city" e la celebrazione elefantiaca di "Familiar to millions".
L'album degli Hefner, guidati dal brillante leader Darren Hayman, è scoppiettante, incisivo, pieno di idee, irriverente, in una magica parola, vivo.
Se il fenomeno brit-pop non fosse stato già archiviato in una qualche cantina di una "Country house", verrebbe da proclamare questo complesso londinese tra i leaders del movimento, assieme a Blur, Supergrass e Pulp.
A proposito di questi ultimi, lo stile della band e la voce del cantante sembrano essere in debito di parecchie sterline con quell'adorabile/insopportabile dandy chiamato Jarvis Cocker.
Le canzoni di Hayman sono generalmente positive, sempre però con quel filo di cinismo che distingue un gruppo londinese dal resto del mondo.
Ascoltate "The day that Thatcher dies", perfetto esempio di quanto appena detto ed una delle tracce migliori, insieme alle fulminanti "We love the city" (London, of course!), "The greedy ugly people", "Good fruit", "Painting and kissing" e "The greater London Radio". Bello e lieve; lieve è bello. (Max Cavassa - http://www.kalporz.com/)

We Love The City (Too Pure, 2000) e’ un concept album dedicato alla citta’ di Londra. Il tema della vita urbana(nel bene e nel male) pervade all’interno di canzonette come We Love The City, The Great London Radio, The Greedy Ugly People, Good Fruit, che si destreggiano tra i primi Kinks e gli ultimi Beach Boys.
Tuttavia la musica tende ad essere melodica, a spese della eccentricita’ rurale degli inizi. (Piero Scaruffi - http://www.scaruffi.com/)

They don't, you know. They positively hate the city, the city in question being London. But this is a fun album, from start to finish, even if one of the songs is called The Day That Thatcher Dies and has children singing "Ding dong, the witch is dead, which old witch, the wicked witch."
Sorry, let me start again... Hefner are a band whose songs are pitched somewhere between Blur and Levellers; the former's off-the-wall guitars and the latter's vocals. Which means they're a bit artsy, a bit political, a bit of everything really.
They've even got opinions on London Transport; "This is London/not Antarctica/so why don't the tubes run all night?" With an opening gambit like that, it is difficult for any Londoner to do anything other than appreciate this band.
The title, We Love The City, is quite obviously ironic in the best traditions of Levellers' sledgehammer wit, but the message is definitely relayed - Darren Hayman and his chums are a tad pissed off and they'd quite like you, the listener, to sympathise.
Should you happen to be in a beer hall (say, one of the larger Firkin pubs, for example) the riotous nature of some of the tracks could make you wonder if you should vacate the premises - She Can't Sleep No More builds and builds until it sounds like half of London are either singing or playing.
The aforementioned The Day That Thatcher Dies is an attempt at subterfuge but is so blatant as to be comical, adding to the fun feel of this album.
You quite often got that with The Levellers - they'd be singing about politics and battles in beanfields and police brutality, but their music would be jigging.
I don't see Hefner getting to be as unfashionable as Levellers but they must be aware that the comparisons are already out there in the meeja.
They must also know that if they hate London as much as this record suggests, there is a big wide world out there in which to live. What's Antarctica like this time of year? (Michael Hubbard - http://www.musicomh.com/)


- We love the city
- The greedy ugly people
- Good fruit
- Painting and kissing
- Hold me closer
- Don't go
- The greater London Radio
- As soon as you're ready
- She can't sleep no more
- The cure for evil
- The day that Thatcher dies
- Your head to your toes


HEFNER

VARIOUS ARTISTS "Its A Shifty Disco Thing Volume 1"



Bela idea quella della Shifty di racchiudere in una compilation i dodici singoli gettonati usciti durante l'anno . Si ha così l'opportunità di andare a risentire dei gran bei pezzi. (1998 Shifty Disco)

- Dustball :: Senor Nachos
- The Unbelievable Truth :: Building
- Nought :: Cough Cap Kitty Cat
- The Impossible Music Force :: Blah Na Na
- DJ Remould :: Teenage Kicks
- Mark Gardener :: Magdalen Sky
- Beaker :: Backgarden
- Spunkle :: Lubetune
- Cody :: Simple
- The Full Monty :: Welcome
- The Bigger The God :: If Everyone I Ever Loved Left Me
- Arthur Turners Lovechild? :: Son Of The Human Cannonball

COMPILATION SHIFTY DISCO

mercoledì 26 gennaio 2011

Libido "Killing Some Dead Time"



Dalla Norvegia con tanta carica pop. Si chiamavano LIbido e avevno le idee chiarissime su come sviluppare melodie vincenti.
Guitar pop rock molto piacevole veramente! (1998 Fire Records)


Although they occasionally stumble over the course of their debut, Libido has found an intriguing fusion of American and British indie-rock on Killing Some Dead Time. Picking up the spiky, spiteful tunefulness of the edgier Brit-pop bands, Libido tempers their melodies with sheets of noise and poetic lyrics.
At times, their pretensions get the better of them, but the best moments of the record demonstrate that the band has considerable potential. (Stephen Thomas Erlewine - http://www.answers.com/)


- Overthrown
- Supersonic Daydream
- Strange News
- Crash Out
- In My Shadow
- Blow
- Remarkably Abnormal (Good Intentions)
- Revolving
- Molest Me
- Comfort
- God's Guest List
- Magic Mushroom Night


LIBIDO

sabato 22 gennaio 2011

Lush "Hypocrite"







Un grande singolo. Un grande gruppo. E tanta nostalgia. (1994 4AD)

- Hypocrite
- Love At First Sight
- Cat's Chorus
- Underlow (Spooky Remix)


LUSH

Kid Galahad "Gold Dust Noise"



Ci mettono dentro un pò di tutto i ragazzi pur di piacere e gli echi di mille altri gruppi si sentono e si sprecano, ma manca il cuore, quello proprio non sono rusciti a trasmetterlo. Piacevoli, simpatici, orecchiabili...ma manca veramente la sostanza! (2002 Ignition)


Scrap the National Paedophiles Register, let's have an Evil Manipulative Record Producer's Register instead.
And top of the list is whichever git heard the alcopop-frazzled-Dandy Warhols vivacity of Kid Galahad's debut single 'Stealin' Beats' and thought 'A-HA! All this band could be the next Kula Shaker!'
Luckily the Maidenhead maestros are blessed with enough songwriting wallop to punch through the dadrock gloss: look beyond the riffage and 'Salvation' and the superb honky-tonk lament 'Skedaddle' expose a plaintive delicacy of Big Ballad.
It's a scandal: Kid Galahad are one of our most effervescent pop bands and some bastard wants to keep them locked in the Later… green room until they turn into Hurricane #1. Petition your MP NOW. (Mark Beaumont - http://www.nme.com/)

The Maidenhead rockers Kid Galahad have talent in abundance and, as this album's exuberant opening track "Where's My Gold?" attests, no lack of ambition either.
Indeed, Gold Dust Noise sounds like an A&R person's wet dream – albeit one stuck in a Nineties Britpop timewarp.
So although as musically articulate as earlier Thames Valley rockers like Radiohead and (particularly) Supergrass, Kid Galahad display little originality or innovation here, as tracks recall the modes and manners of an earlier decade: the sample-rock of EMF ("Where's My Gold?"), the prog-rock smarts of Mansun ("Pack It in"), and the dubby trip-hop of the Bristol diaspora ("I Don't Wanna Play").
It's all cleverly done and nicely varied in style, with the shrill complexity of tracks such as "Swimming to Shore" and "Runaway Train" balanced by the more laissez-faire attitude of "Skedaddle".
But there's never a compelling expression of the band's own personality, a concern perhaps hinted at in lyrics, which lament feeling left behind ("I took a wrong turn in the human race/I tried to catch up but I lost the pace") and reveal a desire to escape to more "happening" territory ("I would have run off sooner but I couldn't feel my legs").
The secret is probably not to play catch-up constantly, but to head out for their own sound. They obviously have the ability. (Andy Gill - http://www.independent.co.uk/)


- Where's My Gold?
- Stealin' Beats
- Skedaddle
- Swimming The Shore
- Salvation
- Runaway Train
- Pack It In
- World Crashes Down
- Distant Sunshine
- I Don't Wanna Play


KID GALAHAD

Unbelievable Truth "Settle Down EP"



E avanti tutta con il fratellino del cantante bruttone dei Radiohead. Altro singolo, altro pezzo di grande spessore e intensità melodica. (1998 Virgin)

- Settle Down
- Dune Sea
- Circle


UNBELIEVABLE TRUTH

lunedì 17 gennaio 2011

Lush "Split"



Secondo disco per Lush e il sogno diventa ancora più intenso e avvolgente. Disco magico a mio avviso. Dream Pop per cuori palpitanti. (4AD 1994)

It's amazing how far Lush came between previous album Spooky and this. While the haunting swathes of sound still prevail, they gained the confidence to bring the lyrics to the fore.
And so we discover gems like "Light From A Dead Star", a tearful rumination over a man who "lives his life in a world full of women". "Kiss Chase", meanwhile, has one of those perfect melodies that you instantly fall in love with.
The real diamond at the heart of it, and one of Lush's finest moments, is "Hypocrite", with its unforgiving drums and the scathing attack on less than faithful partners. "Don't even try to hide behind that stupid smile", spits Miki, and you know it's no idle threat.
Split is the sound of an intelligent band realising how good they really are. We should be grateful that they put it all on a record. (Emma Johnston - http://www.amazon.co.uk/)

Forte degli errori e degli eccessi di Gaia, la produzione del secondo album, Split (4AD, 1994), si concentra sugli aspetti onirici e surreali delle loro composizioni, riportando semmai alla luce le atmosfere fiabesche dei primi singoli.
I Lush innocenti di Kiss Chase, che cavalcano un battito spigliato e un ritornello soave, e di Hypocrite, che arretrano sul Sixties-revival dei Primitives, non sono molto originali, ma sono piu` credibili.
Il duo riesce comunque a scodellare anche qualche armonia complessa.
Quando il suono si dilata, i gorgheggi di Berenyi cominciano a sfaldarsi e gli arrangiamenti assumono uno spessore quasi sinfonico, come in Light From A Dead Star, sembra di ascoltare la musica new age di Enya.
La lunga nenia di Desire Lines aggiunge anche una coda "pinkfloydiana" in lento crescendo. Undertow riesce persino a fondere salmo rinascimentale, ponte strumentale raga, scariche hardrock e ritmo techno.
E sempre alla new age vocale fanno pensare trucchi sparsi qua e la`, come il bisbiglio mandato in loop in The Invisible Man.
Lovelife, con le sue vellutate armonie vocali e i rintocchi spaziali di chitarra, porta semplicemente quella maniera in discoteca. (Piero Scaruffi - http://www.scaruffi.com/)


- Light From A Dead Star
- Kiss Chase
- Blackout
- Hypocrite
- Lovelife
- Desire Lines
- Invisible Man
- Undertow
- Never-Never
- Lit Up
- Starlust
- When I Die


LUSH

The La's "The La's"






Ci sono dei dischi che sono unanimamente considerati dei capolavori. Album che entrano nella storia e che bisogna avere nella propria collezione.
Uno di questi dischi è notoriamente considerato l'esordio dei The La's. Album delizioso e magnificamente pop, con un guitar pop davvero pregevole, ma non me la sentirei di definirlo fondamentale. Bello, fresco, vivace, pop...ma non fondamentale. Non mi piacchiate!! (1990 Go! Discs)

Gli La's del cantante e chitarrista Lee Mavers (Power vi suonava il basso), venuti alla ribalta nel 1987 con il singolo Way Out, avevano destato sensazione con il pregevole album di debutto, La's (Go Discs, 1990), che conteneva il loro capolavoro, There She Goes.
Il disco profumava di Hollies e Searchers, e spinse la stampa Britannica a definirli "il piu` grande gruppo dell'universo". (Piero Scaruffi - http://www.scaruffi.com/)
It's a disorienting fact that one of the most influential figures of British music in the past decade hasn't released a record since 1990.
Lee Mavers, raving visonary pivot of The La's, set the template for so much Britpop when most of the scene's major faces were just getting their first bands together or, in one notable case, still working as a roadie.
In an early Oasis interview, Noel Gallagher famously vowed to finish the job that The La's started. That job? To capture the naive energy of rock'n'roll and the unifying spirit of singalong pop, just as The Beatles had.
To harness raw adrenalin spurts, that wouldn't sound out of place in a stinking Hamburg club, and expansive psychedelic sentiments simultaneously. To sound like the '60s never ended.
Oasis succeeded in the task, but they never had the grace and strangeness of The La's, arguably the second most important Liverpool beat group of all time.
The one album they actually ever released, 'The La's', now comes digitally remastered - with five b-sides as a bonus - in the wake of 'There She Goes' becoming nearly as inescapable an anthem as 'Wonderwall'.
The ironies are huge: Mavers spent years recording and re-recording this slim and exceptional set of songs to try and get them as rough-sounding as possible. At one point, memorably, he rejected an original '60s mixing desk because it didn't have original '60s dust on it.
Considering he threw a decade-long strop at the audacity of his record company actually issuing 'The La's' in 1990, since he hated the sound of it, one suspects Mavers can't be entirely supportive of digital remastering.
The inauthenticity and all that...
Never mind its creator's whims, though. 'The La's' still sounds terrific, a clarion call to skinny boys with guitars whose influence was incalculably greater than its sales.
The measured chimes of 'There She Goes' you'll know of course, its elusive perfection untainted even by the memory of Robbie Williams and Sixpence None The Richer butchering it. 'Timeless Melody' is possibly even better, though, with Mavers' voice soaring and inspiring over a tangle of strum and friction.
There's plentiful cosmic wisdom here: "On the street for knowledge/ You must eat your porridge," he counsels on 'IOU'. But only the dope-raddled 'Freedom Song', live and direct from Trenchtown-On-Mersey, has aged badly.
After all, these were songs out of time in 1990, written too late for one beat boom and too early for another. When he could've become a superstar, Mavers disappeared back home amidst dark rumours of drug dependency and incipient madness, chasing a perfect sound intangible to everyone but himself.
In the meantime, others milked his legacy dry, not least John Power, right-hand man in The La's, who went on to make a mockery of the formula with Cast.
Whether Mavers gives a damn any more is hard to fathom.
Let's hope, at least, that the enduring excellence of these few songs earn him the credit he's due: legends have, many times, been made from much less.
Like many bands of the British pop movement of the early 1990s, the La's created a big--though short-lived--splash, then belly-flopped into obscurity.
Most will remember them only from their pillowy single, "There She Goes," but this album is replete with delightfully jangly, remarkably well-crafted songs and deserves to be waived from the stigma of one-hit-wonderdom. (John Mulvey - http://uk.launch.yahoo.com/)

Lead singer and songwriter Lee Mavers is largely the culprit responsible for the success and failure of this album; a perfectionist, he ultimately paralyzed the album's momentum with band-member changes, the relentless rerecording of songs, and obsession over details, which caused fatal delays in its completion and release.
But his pursuit of perfection was nearly achieved--almost every song had potential as a successful single. Truly a sleeper classic. (Beth Bessmer - http://www.amazon.com/)


- Son Of A Gun
- I Can't Sleep
- Timeless Melody
- Liberty Ship
- There She Goes
- Doledrum
- Feelin'
- Way Out
- I.O.U.
- Freedom Song
- Failure
- Looking Glass
- All By Myself
- Clean Prophet
- Knock Me Down
- Over (Live In A Stable In Liverpool)
- I.O.U. (Alternative Version)


THE LA'S

venerdì 14 gennaio 2011

The Bigger The God "3652 Days"



Gustosa compilation che si poteva acquistare sul sito del gruppo, con materiale raro e inedito accumulato negli anni da questa formazione che avrebbe meritato un pò più di attenzione e sucesso (anche se è giusto dire che il secondo disco non è minimamente all'altezza del primo!). (2001)

- Makes me wonder
- Skinny
- Jason
- She's coming out
- Matinee performer
- Auntie
- Tequila
- Warts'n'all
- Hanging brackets
- Sometmes it's a drag
- Always there
- Broken window


THE BIGGER THE GOD

Unbelievable Truth "Higher Than Reason EP"



Beh...e non si venga a dire che il fratello di Thom non ci sapesse fare! Gran bel pezzo! (1998 Virgin)

- Higher Than Reason
- Who's To Know
- Coming Round
- Revolution


UNBELIEVABLE TRUTH

The Sundays "Goodbye"






Facciamo i completisti e andiamo a pescare questo gran bel singolo di una formazione che credo non abbia assolutaente bisogno di presentazioni, anzi...in ginocchio! (1992 Geffen)

- Goodbye
- Wild Horses
- Noise

THE SUNDAYS

mercoledì 12 gennaio 2011

The League Of The Gloomers





Tanti anni fa a Verona c'era un gran bel negozio di dischi. Si chiamava Diesis.
Innovativo nella struttura e nelle proposte e attento alle novità indie era gestito da tre miei idoli: Luca, Antonio e Gianni.
L'avventura del Diesis purtroppo finì troppo presto, ma per fortuna feci in tempo a comperare un sacco di cose in quel negozio.
Quello che mi va di segnalare con questo post però non è tanto la nostalgia per quel negozio, quanto il fatto che uno dei tre eroi che ho citato sopra, Luca per l' esattezza, è stato uno dei protagonisti della parabola elettro - pop di un gruppo anni '80, che definire fondamentale è dire poco: gli Endless Nostalgia.
Beh, tanto era il materiale che meritava di essere ripescato e riproposto, che Luca ha deciso di aprire un blog, che, come uno scrigno di meraviglie, ci regala le perle introvabili di quel gruppo e di quegli anni.
Il blog lo trovate qui: THE LEAGUE OF THE GLOOMERS.
Attenzione, perchè quella musica potrebbe crearvi dipendenza....intensa, espressiva e intelligente.
Ci sentirete gli anni 80, quelli che fanno muovere e ballare, ma anche quelli che fanno commuovere (e non stupitevi di trovare più di 1 affinità con gli Smiths), ma sopratutto ci sentirete pezzi che risultano anche oggi, nel 2011, decisamente attuali e vivi.
Insomma, bravo Luca per aver deciso di rendere disponibili queste perle nascoste da troppo tempo.
Il post più recente che troverete è questo e come vedrete è un post decisamente clamoroso:

ENDLESS NOSTALGIA
DIY Gloomy Hits [The Best of Endless Nostalgia]


Finally, after 25 years... a new TLOTG release !

All tracks are restored, remastered & digitally re-edit from the analogue 2-track master.
ElectropopItaloDiscoAcoustic? = Gloomy Pop for your ears, from the 80's !!



....un tributo che è praticamente impossibile non pagare!!

lunedì 10 gennaio 2011

Hefner "Breaking God's Heart"








Di fronte a certi gruppi così validi, intelligenti, poetici e mai banali che cosa si può dire? Nulla.
Ascoltiamo in ginocchio questo esordio. Tutto qua.
Questa è la versione "ingrandita", non quella originale. Presento però solo il cd1. Attenzione. (1998 Too Pure)


It was bound to happen sooner or later. I thought it was just a legend, or old-wives' tale.
People can be wrong.
It is true - in every reviewer's life there comes a time when one must endure the hardships of listening to, and then reviewing a terrible album. Hefner's Breaking God's Heart was destined to be one of those albums, one with absolutely zero redeeming qualities.
The major problem with this album is Darren Hayman, the lead vocalist. Rarely is he on-key, yet often off beat. His attempts at emotionalilty result in piercing wails of despair.
Gordan Gano of the Violent Femmes (the whine) crossed with Noel Gallagher of Oasis (the British twist) is an ample description, provided it is knocked off-key by about a half step.
The band does little to save Hefner from being tossed onto the reject pile, at times they actually add to the downfall.
The instrumentation is not poor, but it is weak. There is nothing innovative here, it is basically what you will find from any garage alt-rock band - empty guitar chords and hollow snare and bass beats.
Problems pile up when the band backs off, as in ballads such as "Hymn for the Postal Service." During these instances, the song focuses on the vocalist - which was previously alluded to as being a bad thing. When the band is more prominent, there is less focus on the vocals, and more on the mediocre music - which is better than the atrocity Hefner claims as a vocalist.
Just when you think things can't get any worse, the backup vocals kick in. Usually backup vocals enhance the music.
Maybe Hefner forgot to go to their voice lessons or they intended dissonance, there must be a rational explanation... All the backup vocals are off-key and off-beat. A combination of off-key, off-beat music and lyrics is just about as bad as it can get. Hefner beats this limit.
Hefner's last hope of redemption is their lyrics. Anyone going along with this hopeful attitude will be in for the final blow. Getting a bucket would be a good idea - this is going to be a rough ride.
The chorus to "The Librarian" is "He will never kiss her eyelids" which basically means he will never get to get it on with the librarian because "his efforts were in vain." The genius behind "Another Better Friend" lies in "I don't want to get laid, I just want to be held in her arms." Keep in mind that this is a ballad (very little band) and it has major backup vocals (off-key and off-beat).
Hefner succeed beautifully in failing. They have failed as artists as well as musicians, and this album is proof of that.
A cheap ripoff of Brit-pop and American despair, Hefner are destined to become part of the big rubbage heap in the sky - for breaking God's heart is one of the greatest sins of all. (http://www.music-critic.com/)

Remember the Violent Femmes? Hefner does.
Fifteen years after the Femmes left a permanent impression on the record collections of America's college students, Hefner debuts with a decidedly British take on the Wisconsin trio's folksy punk, leaving the twentysomething angst, sexual misadventures, and Catholic handwringing intact.
But Breaking God's Heart is no "Blister in the Sun Redux," as singer/guitarist Darren Hayman injects more than enough hooks, self-deprecating humor and knee-jerk socialism to transcend his band's influences.
The jangly sing-along singles "Love Will Destroy Us in the End" and "The Sweetness Lies Within" are among the highlights, as is the countrified "A Hymn for the Postal Service" (one in a long line of Hefner hymns) and "God Is on My Side," a slow dance number that is either aided or hindered by Hayman's shambolic falsetto -- depending on how important vocal virtuosity is to you.
A few of the ballads misfire, if only because the melodies are scant and Hayman's voice is left undressed for far too long.
Still, it's clear that Hefner possesses a fair amount of soul, even if it can only be labeled The Hefner Soul, as an earlier 10" called it. An impressive first step from a band brimming with songs. (Torey Marcus - http://www.cduniverse.com/)

...Ci sono casi in cui i gruppi si allontanano dallo stile del proprio debutto per percorrere nuove strade; altre volte, invece, l'esordio definisce i confini entro i quali si snoderà almeno parte del successivo percorso artistico.
Breaking God's Heart appartiene a questa seconda categoria, poiché in esso vi sono elementi dai quali la band faticherà ad allontanarsi, in termini sia di suono che, soprattutto, di songwriting.
Dal primo punto di vista, tutto si basa su un'impronta di base lo-fi e sull'alternanza tra le chitarre acustiche, che occupano un ruolo di primo piano per la maggior parte del tempo, e quelle elettriche, che entrano in scena talvolta per dare corpo e profondità al suono acustico, talvolta invece per prendersi totalmente la ribalta.
Non mancano episodi di ulteriore arricchimento tramite l'utilizzo della tastiera, e anche dal punto di vista vocale Hayman talvolta sfrutta il contributo di seconde voci, anche se per la stragrande maggioranza del tempo è solo la sua voce a cantare.
La sua cadenza ostentatamente britannica, il suo timbro obliquo e la grande emotività presente in ogni singola nota rendono estremamente riconoscibile fin da subito la voce di Hayman.
L'insieme degli elementi crea un risultato di grande vitalità e forza espressiva, amplificate dalla varietà tra una canzone e l'altra nel senso sopra descritto.
Il songwriting si basa su melodie né troppo immediate, né troppo difficili da assimilare.
Spesso lo schema compositivo, come si diceva, prevede una partenza con la voce che dà l'idea di lavorare quasi su una bozza piuttosto che su una canzone finita e con un prosieguo nel quale la bozza iniziale si completa, svelando la melodia vera e propria solo nel ritornello.
In questi casi il suono si accompagna perfettamente alla scrittura, con pochi e delicati tocchi di chitarra acustica e inserendo gli altri elementi man mano che la melodia si chiarifica.
È uno schema che Hayman utilizza spesso ancora oggi, e se il mancato distacco da esso può essere visto come un limite, non se ne può negare la grande efficacia allo scopo di dare all'ascoltatore canzoni dallo sviluppo sempre coinvolgente.
Anche perché, delle dieci tracce del disco, più di una si allontana da questa struttura, ponendosi come pop song più classica ("Love Will Destroy Us In The End", God Is On My Side"), o rimanendo eterea e delicata ("Tactile"), o ancora scaricando adrenalina ed elettricità fin da subito ("Eloping").
Un altro aspetto importante fin da subito nel repertorio degli Hefner è quello dei testi, arguti, stimolanti e dotati di grande forza evocativa, pur senza utilizzare alcun tipo di immagine poetica, ma solo grazie all'estremo realismo nel descrivere la realtà delle cose, amplificato dalla cura da parte di Hayman nei confronti della metrica e dell'utilizzo di parole il cui stesso suono sia in grado di stuzzicare l'orecchio dell'ascoltatore.
Quest'ultima qualità è ben esemplificata dalla brillante allitterazione del ritornello di "The Sad Witch" ("She promised me three wishes, and all I wish is she should remain here"), mentre il miglior esempio della capacità di rappresentazione di situazioni e sensazioni davvero reali è il ritornello di "Another Better Friend", rifacimento del singolo che ha fruttato alla band il contratto discografico ("It's not love, it just smells like it, the scent of summer is so exciting.
No matter how you brush your teeth, I can still smell the nicotine. And there's no face I'd rather kiss than, your sweet face, oh when it's smiling. I loved you until you were bedded, and our parents still talk of a wedding. Those bruises don't betray any violence on my part, You've taken my possessions, we're both dressed up like tarts, but it's miserable and sluttish to be acting like I do in front of you").
È subito evidente come Hayman non abbia alcun timore nel mettere a nudo la girandola di sensazioni conseguenti alla fine di un amore importante, e il fatto che sia facile immedesimarsi in questi versi, così come in molti altri, non deriva dal qualunquismo che troppo spesso emerge quando si vuole parlare per forza a tutti, ma proprio dal grande realismo delle immagini che l'autore quasi dipinge con le proprie parole.
Un'altra canzone che merita quantomeno una menzione è "A Hymn For The Postal Service", un po' perché fa una certa impressione ascoltare adesso, nell'era di internet, di qualcuno che prega ogni mattina affinché il postino gli recapiti una lettera tanto attesa, e poi perché questo è il primo di una serie di hymn che Hayman dedicherà alle cose più improbabili, sempre per esprimere il proprio variegato rapporto con le situazioni inerenti la sfera sentimentale.
Breaking God's Heart, in definitiva, ha tutte le caratteristiche per essere ritenuto un ottimo debutto: il suo ascolto è sempre stimolante, senza cali di intensità o di qualità, e dimostra già evidenti i segni della maturità e della personalità del gruppo. In un anno come il 1998, generalmente considerato come quello del tramonto del brit-pop, gli Hefner si presentano sulle scene con una proposta il cui essere pop e britannica rappresenta solo una parte di uno stile ben più ampio e personale. (Stefano Bartolotta - http://www.ondarock.it/)

- The Sweetness Lies Within
- The Sad Witch
- A Hymn For the Postal Service
- Love Will Destroy Us In the End
- The Librarian
- God is On My Side
- Another Better Friend
- Love Inside the Stud Farm
- Tactile
- Eloping
- Pull Yourself Together
- Christ
- Smoking Girlfriend
- Wicker Girl
- Destroyed Cowboy Falls
- Blind Girl With Halo
- Hello Kitten
- Normal Molly
- The Hymn For Berlin



HEFNER

venerdì 7 gennaio 2011

Heavy Stereo "Deja Voodoo"









Sfrontati e spavaldi, ecco come li ricordo gli Heavy Stereo.
Con la loro carica di glam rock anni 70, le chitarrone, e le parolone grosse di Mr Creation Alan McGee che li esaltava alla grande, per non parlare di quello che diceva il capobanda Gem Archer, che prometteva (la solita frase abusata a dire il vero)....saremo più grandi degli Oasis.
Peccato che poi lui stesso sia finito a suonarci dentro negli Oasis.
Il fatto è che sollevarono un discreto polverone con le prime cose, insomma fecero drizzare le antenne a non pochi e anche la stampa pareva con loro, salvo poi, all'uscita del disco, trovarsi con delle recensioni davvero poco piacevoli (lo stesso Noel disse che il gruppo era buono ma il disco era uno schifo).
Un classico.
Eppure qualche buona carta nel disco c'era (poche a dire il vero), in particolare l'epica "Mouse In A Hole", che da sola a mio avviso vale comunque il prezzo del biglietto. (1996 Creation)

- Chinese Burn
- Cartoon Moon
- Déjà Voodoo
- Tell Yer Ma
- Crown Of Thoughts
- Mouse In A Hole
- Bangers And Mash
- Deep Fried Heart
- Reaching For Heaven
- Keep Up
- Planet Empty
- Shooting Star


HEAVY STEREO

Volume Fourteen "Reading 95 Special"





Beh, possiamo dire un sacco di cose su questa compilation, ma la prima che mi balza in mente è che davvero merita di essere definita la compilation definitiva, o almeno quella che più si avvicina a questo vanto.
Mancheranno i nomi altisonanti, ok, ma c'è praticamente il meglio del meglio dell'indie pop Uk con i gruppi che stavano emergendo o che avevano già un buon nome e un buon seguito, assieme a tante altre belle cosette.
Il solito ottimo lavoro firmato Volume, questa volta in una epica compilation doppia! (1995 Volume)


Teenage Fanclub - Festival Of Sun Reading '95
Ash - Coasting
Powder - Has Been
Nilon Bombers - Back Down
Drugstore - Sugar Sugar
Electrafixion - Sister Pain
Cast - Follow Me Down
Puressence - Half The Way You Were
Carter The Unstoppable Sex Machine - This One's For Me
Longpigs - All Hype
Coast - Shag Wild
China Drum - Situation
Smaller - Biscuit Tin
Heavy Stereo - Sleep Freak
The Cardigans - Our Space
Stereolab - Theme From Get Carter
Menswear - Daydreamer [Student Union Mix[

Little Axe - Out Of The Rain [Remix]
Dub War - Original Murder
White Zombie - Electric Head Pt.2 (The Esctasy) [Remix]
Monster Magnet - Dopes To Infinity [Live]
Babes In Toyland -Handsome & Gretel [Live]
Deus - Morticiachair [Live]
Gene - Sleep Well Tonight [Live]
Heather Nova - My Fidelity [Live]
Scarce - Imagining It
Buffalo Tom - Never Noticed
Scarfo - Eyesore
Echobelly - Natural Animal
Peepshow - Delirious
These Animal Men - False Identification [Live]
Prolapse - Move To Limit Slabs
Delicatessen - Classic Adventure
Skunk Anansie - I Can Dream
Mudhoney - You Give Me The Creeps
Guided By Voices - Snuff Movie (She's Gone)



VOLUME 14

mercoledì 5 gennaio 2011

Shed Seven "Let It Ride"












Terzo disco per gli ex Thake That del Brit Pop che sempre più vanno "adultizzando" il loro suono.
Ottimi gli spunti chitarristi del buon Paul Banks che sa fare la voce grossa in certi pezzi, ma piazza anche della ballate memorabili.
Pezzi che conquistano per linee melodiche e per il cantanto del buon Rick sempre convincente.
Insomma, un classico! (1998 Polydor)


Terzo album per gli Shed Seven, sempre più lanciati verso le vette delle charts inglesi dopo il grande exploit del loro secondo lavoro, "Maximum high", del 1996: "Let it ride" si pone come un album commercia(bi)le e ambizioso, visto che stuzzica il meglio del britpop inglese, vale a dire i Beatles, e si lascia altresì influenzare da alcuni personaggi chiave della musica d’oltremanica, primo fra tutti Paul Weller.
Ma gli Shed Seven non disdegnano comunque qualche robusto richiamo all’epica rock americana, venando di sfumature roche un poprock altrimenti sin troppo levigato. L’album si muove così attraverso un condensato di melodie decisamente orecchiabili, orientativamente "bastarde" negli intenti ma in realtà più che tranquille all’ascolto, ma nondimeno piacevoli e sufficientemente intriganti.
Di fatto il disco scorre via con piacere, lasciando emergere dopo alcuni ascolti delle buone canzoni come la title-track, "Half way home" e "Chasing rainbows".
E’ da vedere se siano ancora i tempi opportuni per il britpop come questo, che rischia invece di aver segnato un po’ il passo, soprattutto nell’immaginario collettivo disseminato di Verve, Oasis, e i vari Embrace.
Una cosa è sicura: su questo disco l’intento più che lodevole è se non altro quello di provare a elaborare con una certa originalità le amate/odiate fonti. Che poi non sempre ci si riesca dipende, forse, anche dalla grandezza, in termini di genio musicale, di quelle stesse fonti.
Dopotutto se Paul Weller finisce ancora in copertina su NME un motivo ci sarà... (http://www.rockol.it/)


- Return
- Let It Ride
- The Heroes
- Halfway Home
- Devil In Your Shoes
- She Left Me On Friday
- A Hole
- Drink Your Love
- Stand Up And Be Counted
- Chasing Rainbows
- Goodbye

SHED SEVEN

Rialto "Night On Earth"



Partiamo dal presupposto che la qualità è sempre alta. Ma non così alta come nel primo strepitoso album.
Qui le melodie non sono così incantevoli e mi sembra che si sposti un pò il tiro su suoni un pò alla Depeche, ma ripeto, la qualità rimane alta e la malinconia e lo struggimento brit pop del gruppo si mantiene su buoni livelli. (2001 Warner)

In their continuing quest for pop's holy grail, Rialto release an expedient follow-up to the 'Girl On A Train' mini-album with their second full-length effort. 'Night On Earth' takes two tracks off the 'Girl' material (the thrilling, widescreen pop of 'Anything Could Happen' and the more Duran-esque 'Anyone Out There?') but falls short of consistent greatness.
This collection works best when the band don't try their hardest to recreate big, obvious electro-pop glories of yesteryear; 'Idiot Twin' has dated badly already yet the following track 'Shatterproof' pleasingly incorporates a rhythmic undertow that compares with New Order.
There's a rather over-busy sound on some tracks as if Rialto want to prove that they listen to today's music when they really don't need to as the aforementioned 'Anything Could Happen' and the similarly cinematic 'London Crawling' testify. It could also be argued that singer Louis Eliot's vocals are too fey to carry ballad material such as 'Three Ring Circus' and 'Underneath A Distant Moon'.
Despite these faults Rialto do know how to write a memorable chorus, now they just need to write more of them. (http://www.leonardslair.co.uk/)

- London Crawling
- Anything Could Happen
- Anyone Out There?
- Catherine's Wheel
- Idiot Twin
- Shatterproof
- Brilliant Fake
- Three Ring Circus
- Drive
- Deep Space
- Underneath A Distant Moon


RIALTO

sabato 1 gennaio 2011

The Cooper Temple Clause "Make This Your Own"








Accidenti che cambio di rotta per i Cooper, che in questo disco fanno decisamente i muscolosi.
Forse tutta questa grinta viente dal passaggio tra major e indipendente o dalla reazione della perdita del bassista, non saprei, sta di fatto che decisamente il tutto si è appesantito e sembra esserci una maggior ricerca del pezzo radiofonico.
Ci aspettavamo questo da loro? Direi di no.
Purtroppo fu il canto del cigno. (2007 Sanctuary)

- Damage
- Homo Sapiens
- Head
- Connect
- Waiting Game
- Once More With Feeling
- What Have You Gone And Done
- Take Comfort
- All I See Is You
- Isn't It Strange
- House Of Cards


THE COOPER TEMPLE CLAUSE

Lodger "I'm Leaving"



Singolo dei Lodger, come già dissi il gruppo non mi fa impazzire, ma all'epoca sotto l'influsso di Carlo Villa non potevo fare a meno di comperare pure i singoli! Aaarggghhhh!!! (1998 Island)

- I'm Leaving
- Ciao (Demo)
- Jacko's Baby

LODGER